Una spesa ragionata? Come cambia il carrello della spesa oggi

La Pandemia del Covid 19 ci ha costretti a cambiare radicalmente le nostre abitudini anche alimentari .Persino un’attività quotidiana come fare la spesa, ai tempi del Coronavirus, non è più semplice e immediata come fino a poche settimane fa.  Sono forti i timori di non tornare facilmente alla normalità e quindi ecco che si fa la scorta di prodotti che consentono a chi deve pensare alla cucina di avere quella scorta che metta al riparo dall’ uscire o comunque riduca le necessità di dover andare in giro . Una spesa ragionata è sempre importante per evitare inutili sprechi in cucina, ma mai come in questi giorni, in cui bisogna essere veloci e stare attenti a mantenere le distanze dagli altri, è importante avere bene in mente cosa dobbiamo comprare .

Nelle prime due settimane di emergenza, dal 24 febbraio all’8 marzo, si è dato l’assalto ai negozi,  i nostri carrelli erano pieni soprattutto di prodotti  per igienizzare la casa e per la persona, e i cibi a lunga conservazione. L’ amuchina, l’alcol denaturato sono prodotti introvabili ora .

Ciascuno riempie il proprio carrello in silenzio, con pasta, riso, legumi, pomodoro e latte UHT , marmellate zucchero e fette biscottate,  cibo semplice ed essenziale, riconoscibile e facile da cucinare. I prodotti più ricercati ora sono la farina con il lievito. C’è chi fa la spesa solo per sé, chi per la propria famiglia, chi ancora per un parente anziano o invalido che non può farla da solo. Ciascuno porta con sé la propria angoscia e, in questo momento, siamo tutti uguali.

Per il momento dimenticati o quasi i prodotti per happy hour. Niente più assembramenti per un po ‘.

È strano vedere i corridoi, di solito così affollati, quasi deserti. Gli scaffali, invece, sono ben riforniti.

Gli italiani stanno anche facendo molta attenzione a sostenere gli acquisti dei prodotti made in Italy.

Il futuro sarà diverso dal presente e non potrà non trovare un tessuto connettivo di esercizi commerciali pronti a raccogliere l’ennesima sfida al cambiamento.

 

 

Be the first to comment

Rispondi